I migliori
ristoranti a montmartre

Quartiere imperdibile di Parigi, già che lo visitate, perché non provare uno dei migliori ristoranti a Montmartre?
VISITARE.NET vive grazie al supporto dei suoi lettori. Quando effettui acquisti attraverso i link presenti, come quelli di Amazon, riceviamo un piccolo compenso che useremo per comprarci un caffè ☕. Pertanto, vi ringraziamo! Tranquilli, voi non pagherete di più.

Montmartre Ristoranti

Il Quartiere di Montmartre è tra le tappe di ogni turista in visita a Parigi, o perlomeno di chiunque voglia scoprire i luoghi più caratteristici e noti della città. Anche per questo, specie in estate e nel periodo natalizio, è anche una delle zone più frequentate e affollate. 

Questo porta ad avere una vastità di negozi di souvenir così come un altrettanto vasto numero di ristoranti e locali dove fermarsi per una sosta, con scelte per tutti i gusti e tutte le tasche.

Ma prima di partire, per conoscere la storia, i quartieri e le curiosità di Parigi, vi consigliamo la completissima guida Lonely Planet!

Ristoranti a Montmartre. Salta a:

I MIGLIORI RISTORANTI A MONTMARTRE

Il Quartiere di Montmartre nasce come periferia della città di Parigi, solo successivamente verrà inglobato nella Ville. 

È da sempre luogo di ritrovo e anche di dimora di artisti che qui si incontravano e si scambiavano esperienze e idee. Oltre a ritrovarsi nelle case private o in qualche circolo di artisti, uno dei luoghi preferiti di incontro era attorno al tavolo di una taverna, davanti ad un buon bicchiere di vino, che proprio su questa collina veniva prodotto.

Montmartre divenne presto la fucina di nuovi artisti e di nuove tendenze, l’estrosità di pittori, scrittori, musicisti se a centro città era malvista, qui era semplicemente la normalità. 

Anche quando gli artisti si spostarono preferendo il fermento di altri quartieri, come verso il multietnico Belleville, Montmartre non perse la fama di essere il quartiere artistico e bohemien che era sicuramente stato in passato.

E ancora oggi ricordiamo attori, musicisti, pittori che qui hanno dimorato e hanno creato opere immortali. Gli stessi pittori hanno contribuito a rendere eterno il mito di quegli anni, portando fino a noi la storia di locali e scorci che ancora oggi si possono visitare.

Se volete approfondire la storia e le curiosità di questo quartiere, potete leggere questo piacevole articolo.

Ma in questo articolo vogliamo approfondire la ricerca di buon posto dove fermarsi a mangiare un piatto veloce o dove consumare un pasto, avvolti dalla storia di un ristorante d’epoca. 

I ristoranti a Montmartre sono tanti e variegati, per cui è bene scoprire quello che fa per noi!

montmartre ristoranti
Dopo aver esplorato Montmartre, perché non fermarsi in uno dei suoi ristoranti ed assaggiare qualche delizia?

QUALE RISTORANTE A MONTMARTRE SCEGLIERE?

I ristoranti che troverete qui di seguito sono stati recensiti almeno una volta come il miglior ristorante a Montmartre.

È evidente che i gusti a tavola (e il proprio portafoglio!) sono qualcosa di talmente soggettivo che sarà facile dissentire, ma ogni ristoranti di questo elenco è diventato negli anni noto come “storico ristorante di Montmartre”.

È tra le case più conosciute di questo quartiere, oggi la si nota per il colore rosa della facciata esterna che è riuscita a ritrovare nonostante tante attività edilizie, all’inizio del XX secolo era già molto nota come ritrovo di artisti, scrittori, cantanti e pittori che la dipinsero raccontando la sua storia fino ai giorni nostri.

Oggi, oltre che per scattare una foto, può essere una piacevole tappa per il brunch o uno pasto durante la visita a Montmartre. Le prenotazioni si possono fare per il brunch (sabato e domenica) pranzo, cena, e non sono accettate per telefono o email, ma sul sito ufficiale c’è lo spazio per la reservation. 

Per uno snack o un bicchiere di vino presentatevi sul posto e chiedete un tavolo, sapendo che in alcuni orari dovrete attendere un po’ per avere disponibilità di posti.

Lo stile di oggi impostato dai proprietari vuole essere accogliente, creativo, eco responsabile. Sono disponibili piatti vegan e gluten free, non mancano proposte con prodotti italiani perché si vogliono ricordare le origini italo-francesi della famiglia proprietaria; c’è attenzione a proporre piatti con prodotti freschi e stagionali, carni rigorosamente francesi.

Con la bella stagione ci si può accomodare in piccoli tavolini esterni posti sul marciapiede, che vi daranno l’idea di vivere questo quartiere.

Il sabato e la domenica il brunch è proposto a 32€, il Pranzo completo a 33€, formule ridotte a 26€. La cena del Natale 2023 e del Nuovo anno è proposta a 80€.

Come arrivarci: se siete a piedi a Montmartre, ad esempio al Sacre Coeur impiegherete 10 minuti scarsi, costeggiatelo sulla sinistra, svoltate alla prima a sinistra (rue du Chevalier de la Barre), poi prendete rue du Mont-Cenis a destra, ancora a sinistra in rue du Cortot, passate davanti al Musée de Montmartre e quando siete al fondo della via volgete lo sguardo a destra. Siete arrivati.

ristorante a montmartre
Un ristorante a Montmartre imperdibile è la Maison Rose

Si presenta come ‘Ristorante tradizionale’. Leggendario nel quartiere di Montmartre, a pochi passi dal Sacré-Cœur e da Place du Tertre nel 18° arrondissement di Parigi. Questo vero luogo di vita, nello spirito dell’osteria, è in armonia con la sua storia ed il suo ambiente. 

Oggi forse non è più la taverna popolare di due secoli fa, ma rimane sicuramente un posto interessante. Il mugnaio Debray, creatore di questo luogo, nel 1812 era un imprenditore che voleva diversificare la sua attività aprendo una taverna sotto uno dei suoi mulini: ebbene, la taverna rese famoso questo posto sino ai giorni nostri. La squadra che la guida oggi ha come scopo quello di far affezionare i clienti e farli tornare.

Sicuramente le due terrazze di cui dispone danno l’idea di quella Parigi bucolica, più villaggio che città. Qui sulla Butte, cuscini colorati, piante pensili, fili di luci creano una bella atmosfera specie la sera, più classico invece l’arredo interno.

I piatti proposti sono quelli della cucina tradizionale francese senza eccedere nelle offerte in menù: con piatti guidati dal mercato stagionale, a pranzo sono disponibili anche due formule a prezzo fisso da 33 e 42 euro, ed una proposta di menù per bambini a 12 euro per un secondo di carne o pesce, con contorno e dolce. 

Non ce lo si aspetterebbe da un ristorante come questo, ma c’è anche la possibilità di ordinare piatti da asporto. Au Moulin de la Galette, le vin n’est pas un à-côté, ovvero qui il vino non è un contorno, ma accompagna ogni portata e mette in evidenza i vitigni francesi. 

Il menù della notte e del pranzo di Natale 2023 è proposto a 80 euro mentre la serata di San Silvestro, con intrattenimento musicale, a 170 euro.

Come arrivarci: Nei pressi ferma il bus numero 40, la fermata ha il nome dello stesso mulino ed abbastanza nota anche perché utilizzata per andare al Teatre Lepic che si trova sull’angolo opposto al ristorante o per andare alla vicina Piazza Marcel Ayme a vedere il Passe-Muraille, l’uomo che attraversa il muro

La sua storia parte agli inizi del ‘900, all’angolo tra rue Saint Vincent e rue des Saules c’è questa piccola casetta dove si può ascoltare musica e bere un bicchiere di vino; oggi questo posto è il decano dei cabaret di Parigi, conosciuto in tutto il mondo e definito da molti come il « conservatorio vivente della canzone francese » che tutt’ora presenta ogni sera musica e voci dal vivo. 

Da qui è passata gente allora sconosciuta, nomi che oggi per noi sono però più che noti : Picasso, Utrillo, Modigliani, Apollinaire, per dirne alcuni, e poi si esibì qui tutta la canzone francese dagli anni ’30 in avanti.

Qui ogni volta si ricrea l’atmosfera delle serate di un tempo passato quando si ascoltava, si scopriva nuova musica, si condivideva, si condivideva una scoperta, un piacere, una nuova canzone…

Si può prenotare un tavolo per il cabaret, sceglierendo se limitarsi alla formula spettacolo più bevanda a scelta (35 euro) o se si vuole vivere un’esperienza più sofisticata con una bottiglia di champagne (prezzo 120 o 160 euro). È disponibile un’ulteriore scelta di bevande alla carta. Riduzione con la tariffa studenti.

Per la serata del 31 dicembre lo spettacolo avrà un costo di 80 euro. Non si accettano le carte di credito ma è possibile prepagare, e prenotare tramite il sito ufficiale. Per mantenere lo spirito conviviale e storico del locale, lo spettacolo è continuo e si può arrivare quando si vuole, il locale è aperto i martedì, giovedì, venerdì e sabato dalle ore 21 all’1.

Come arrivarci: Come per molti altri locali, si consiglia il Bus 40 o la linea 12 della Metro. È disponibile un parcheggio, Garage Parking, a 350 mt. in rue Custine.

Magari passandoci davanti potreste non notare questo ristorante a Montmartre, se non per l’ottimo scorcio sulla città da questo punto, ma Le Relais de la Butte esiste dal 1672 e da allora invita i suoi clienti in un ambiente affascinante e giovanile.

Se all’interno i muri in pietra raccontano la sua storia, la piazzetta all’aperto è piacevole per sostare tra una portata e una chiacchiera; qui la cucina locale francese richiama sia turisti che parigini. Non per niente è aperto tutti i giorni dalle 8 all’1 di notte. 

Il brunch è servito tutti i giorni fino alle 16 a 14,90 euro, il menù presenta piatti da condividere, taglieri, escargot, insalate, piatti, dessert a prezzi ragionevoli per il quartiere e per il posto storico. Nei giorni feriali formula a pranzo a 16,80€, un prezzo più che ottimo. Si consiglia però di prenotare perché in certi periodi la lista d’attesa è lunga.

Per gli amanti della serie Emily in Paris, qui è girato l’inizio del sesto episodio della terza serie.

Come arrivarci: Linea Metro n. 12 fermata Abbesses o Bus numero 40.

Anche questo è un luogo storico di Montmartre, ritratto in molti dipinti, è un locale dove si ritrovavano gli artisti e dove ancora oggi i piatti proposti sono classici, dalla zuppa di cipolle alle lumache alla crepe. 

Caratteristica la via con le lastre di pietra, anche per la sua riconoscibile facciata oggi ci si passa per scattare una foto, ma anche per mangiare un piatto in un locale che fa parte della storia di Parigi. 

Da qui si può vedere la cupola del Sacre Cœur dal quale dista a piedi 300 mt.

Come arrivarci: Linea Metro n. 12 fermata Abbesses o Bus numero 40.

A MONTMARTRE RISTORANTI ECONOMICI CE NE SONO?

Se come abbiamo detto questa è una delle zone più frequentate dai turisti, vien da sé che sono molte anche le proposte per questa tipologia di visitatori, per chi è qui di passaggio e cerca un posto dove fare una rapida sosta, magari includendo un piatto tipico o più semplicemente cercando un posto carino dove fermarsi e mangiare seduti ad un tavolo.

A Montmartre la scelta non manca, ma occorre leggere bene i menù posti all’ingresso per non avere sorprese o guardare quali sono frequentati anche da francesi se si cerca la tipicità a tavola. 

Ecco alcune proposte, ma l’offerta è davvero molto più ampia e in continua evoluzione.

Si trova al 98 di rue Lepic, proprio di fronte al Moulin de la Galette, il piatto principe qui è il pollo, di qualità, ben trattato e preparato in diverse maniere dallo chef Antoine Westermanne. Il pollo lo vedrete anche sul girarrosto dietro al bancone di servizio.

Sulla vetrata esterna del ristorante potete leggere il piatto del giorno, diverso per ogni giornata della settimana; menù alla carta con anche proposte vegetariane.

Le Saint-Jean

Le Saint-Jean è un café ristorante a Montmartre situato all’angolo dopo l’omonima chiesa in rue des Abbesses. È un ristorante che ha proposte veloci e gustose, senza pretese di alta gastronomia ma che riesce a soddisfare i molti turisti alla ricerca di un piatto e via. 

Taglieri, insalate, piatti unici, cucina francese, europea. Aperto tutti i giorni, dall’alba a tarda sera.

In 35 Rue Véron 75018, Riv’k è un ristorante di ispirazione israeliana. Qui potete trovare panini e toast generosi, ma soprattutto ottimi piatti ricchi di profumi e spezie, con una cucina israeliana talvolta contaminata da gusti più asiatici. Sul tavolo vi arriveranno piatti che soddisferanno sia il vostro gusto che la vista.

Al 9 di rue Ravignan, a due passi dalla fermata di Abbesses. Se avete voglia di un dolce questo è il posto giusto, anche solo per ammirare le vetrine e la varietà di monoporzioni. Tortine, madeleine, éclair, sablé a forma di Tour Eiffel o di Sacre Coeur, ma anche biscotti, croissant, brezel, dolci delle feste, confezioni regalo. Chiuso il lunedì e martedì.

Le Grenier à Pain

Se però cercate una boulangerie con pasticceria a prezzi più popolari, ma sempre di qualità, allora ecco uno dei 9 negozi Le Grenier à Pain a Parigi in rue des Abbesses al numero 38, artigianale al 100%. Qui ovviamente troverete anche focacce, panini, baguette farcite, croque monsieur, pane, grissini, biscotti, confetture, croissant.

Infine vorrei segnalarvi un locale che qualche anno fa mi ha colpito e che vedo essere ancora molto seguito: Le Sancerre. Si trova a pochi passi dalla chiesa di Saint-Jean sempre in rue des Abbesses al numero 35. 

Ci si viene più per bere e stare in compagnia che per mangiare, buona scelta di vini e champagne, d’estate i tavolini all’aperto sfiorano la strada ed è bello vedere che è frequentato soprattutto da francesi specie la sera, mentre di giorno si nota una predominanza di turisti.

Il menù per fine anno 2023 è proposto a 89 euro. Fermata Metro: Abbesses.

Dove alloggiare a Montmartre

 3 Rue Lepie (fermata metro Blanche)

Conclusioni

Dopo la tappa in uno dei ristoranti a Montmartre, potreste fare una passeggiata fino al muro del “Ti amo” dove la frase è scritta in tutte le lingue.

Il muro è stato chiuso per un breve restauro, ma la sua riapertura è imminente, qui potete leggere le curiosità su questo luogo.

Infine sarebbe bello se foste voi lettori a raccontare qual è stato il vostro ristorante a Montmartre, ogni consiglio è ben accetto, anche le esperienze non proprio indimenticabili.

Marika
Marika
Giornalista pubblicista dal 2005 scrivo per giornali di provincia, il mio lavoro principale mi porta sia a contatto con il pubblico, sia a immergermi tra i numeri dei bilanci di un ente pubblico, ma sempre la sera ritrovo la pace a casa, nella campagna Monferrina, con la mia famiglia. Innamorata della Francia sin da bambina, oggi amo parlare e scrivere di Parigi perché è un modo per continuare a rimanere aggiornata sulla capitale francese non potendoci andare tanto quanto vorrei.
Marika
Iscriviti alla Newsletter!
Unisciti al gruppo!
I migliori hotel a Parigi
I Nostri Servizi
Tour Parigi

Con i nostri Tour di Parigi, ti faremo esplorare la città in una maniera completamente nuova!

Deposito bagagli
Assicurazione di viaggio: necessaria?

La tessera europea di assicurazione è veramente sufficiente in caso di problemi?  Ed in caso di furto?

Il modo più efficace, elegante e personale per raccogliere i tuoi pensieri, avventure, foto e video

Pinna ora!
Hai visitato il quartiere ebraico a Parigi? Scrivici nei commenti!
Iscriviti
Notifica di
0 Comments
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti